La storia Diptyque inizia a Parigi, al 34 Boulevard Saint-Germain, da tre amici spinti dalla stessa passione creativa.

Christiane Gautrot, designer d’interni, Desmond Knox-Leet, pittore e Yves Coueslant, regista teatrale e scenografo.

Tutto prende inizio da una collaborazione tra Desmond e Yves e da un incarico commissionato loro dalla Liberty & Sanderson per la progettazione di tessuti e carte da parati.

Nel 1961 viene aperto il primo negozio.

Yves assume il ruolo di amministratore e consulente, mentre Desmond e Christiane diventano l’anima artistica.

A poco a poco, merito del loro inconfondibile gusto, trasformano l’atelier in un luogo unico nel suo genere, una sorta di bazar elegante dove si possono trovare articoli sorprendenti, senza eguali.

Nel 1963, Diptyque lancia la sua prima candela profumata, “Aubèpine” (Biancospino), seguita da molte altre.

Nel 1968, Diptyque crea la sua prima fragranza “L’EAU“, ispirata ad un pot pourri del XVI secolo e al profumo di un pomander ai chiodi di garofano.

Una fragranza innovativa rispetto al repertorio della profumeria tradizionale.

Seguirono altre creazioni come eau de toilette, saponi e gel bagno, così come il raro e sofisticato “Vinaigre de Toilette“.

L’entusiasmo per i profumi, l’amore per la creazione e la sensibilità di ciascuno dei tre fondatori ha permesso la nascita di uno stile unico.

Le loro creazioni nascono dai ricordi di viaggio attraverso il Mediterraneo ed il vicino Oriente.

Rievocano il calore di un’estate greca, un frutteto di agrumi, i cieli tersi di un paesaggio latino, la campagna a mezzogiorno, un giardino verde sulle rive di un corso d’acqua.

La qualità delle materie prime, la sobrietà della presentazione, l’eleganza della grafica, sono il carattere distintivo di Diptyque.

Il desiderio di ricreare olfattivamente le atmosfere dei paesi visitati, ha fatto di Diptyque un marchio unico e originale, libero dalle tendenze e capricci dell’industria della profumeria.